Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

lunedì, gennaio 16, 2017

"Davos 2017: Aristocrats faccia Forconi" - WSOMN





Angelo:

Davos 2017: aristocratici Face the Pitchforks


lo scollamento tra il Davos comunità tra i principali beneficiari della globalization- e il resto del mondo è impressionante



da Gerard BAKER 16 gennaio 2017 05:00 ET



Se il, presto 21- altamente integrato economia globale secolo ha avuto una aristocrazia, sarebbe più o meno il gruppo di persone che si riuniscono questa settimana nella località montana svizzera di Davos. 



Lì, i capi di governo, banchieri centrali, amministratori delegati di grandi banche e multinazionali, studiosi di spicco, la splendida media e stelle di intrattenimento, si incontrano ogni gennaio per esaminare il panorama globale che hanno costruito e governato per discutere di come migliorarlo. 



Quest'anno, l'aristocrazia che arriva in Svizzera potrebbe, se è sufficientemente senziente, cominciano a sentirsi a disagio parallelismi con la condizione in cui i suoi antenati altrettanto benestanti si sono trovati alla fine del 18 ° secolo in Francia o in Russia all'inizio del 20 ° secolo. 



La marea di rabbia populista che ha travolto le principali economie in 2016-evidenziata dal voto britannico di lasciare l'Unione europea e l'elezione di Donald Trump negli Stati Uniti, segnata anche dal crescente sostegno ai partiti nazionalisti e antiestablishment provoca altrove nel mondo sviluppato, è lappatura alla porta d'ingresso elegantemente arredate di Davos Man. 



Il World Economic Forum, sotto i cui auspici la folla Davos incontra, fa del suo meglio per sminuire la natura elite di raduno di questa settimana, aggrottando le sopracciglia su alcuni dei display sibaritici più appariscenti e incoraggiando il dialogo serio sulle responsabilità piuttosto che i privilegi di essere tra vincitori della vita. 



Ma lo champagne sarà ancora versato e il caviale divorato quasi abbondantemente come a Versailles nel 1780 o nel Palazzo d'Inverno agli inizi del 1900. 



Le campane sono tolling ora più forte che mai hanno per la leadership globalista del mondo, e se c'è una istituzione e un gruppo di persone che rappresenta la maggior parte perfettamente il bersaglio di tanta rabbia e fervore nazionalista, è Davos stessa. 



Davos non è solo un luogo o di un gruppo di persone in quanto è un'idea-un'idea di grande successo; infatti l'idea dominante dei 25 anni dalla fine della guerra fredda. 




La sua essenza è che il mondo è un unico grande mercato, opportunità e politica. Che gli ostacoli all'attività economica globale devono essere rimossi, che i confini nazionali e il sentimento nazionale e la sovranità nazionale devono essere subordinato a istituzioni globali e sovranazionali, che di fronte a sfide quali il cambiamento climatico e la povertà globale e la malattia, lo stato-nazione non è solo impotenti ma in realtà un ostacolo pericoloso per il progresso. 



La comunità di Davos è stato-non a caso, tra alcuni dei principali beneficiari di questa idea. 



Istituzioni sovranazionali come l'Unione Europea e le Nazioni Unite e in effetti il WEF in sé; multinazionali che hanno guadagnato un enorme vantaggio finanziario da spostando la produzione sud e da est verso i mercati emergenti a basso costo. 



I banchieri che hanno alimentato fuori questo globalizzazione e contribuito ad alimentare che, con spese di grassi per investimento, offerte e trading. 



Una leadership culturale in Accademia, le arti, i media e di intrattenimento che si trova su un circuito globale permanente e migra stagionalmente tra New York, St. Barts, Londra e St. Moritz. 



La scollamento tra questa fraternità e il resto del mondo è impressionante. Questi sono gli americani, britannici, francesi, cinesi, indiani, che hanno molto più in comune con l'altro di quello che hanno con i loro compatrioti meno a livello globale abili a casa nel Wisconsin, Lincolnshire, il Pas-de-Calais, Chongqing o Gujarat. 



E questo è il cuore del problema. L'idea di Davos ha funzionato brillantemente per questi dirigenti giramondo sradicati. Ma per quelli lasciati a casa-meno-educato, con meno accesso alle risorse che sono necessarie per il successo in un economico appiattita paesaggio-benefici netti non sono evidenti. 



La globalizzazione ha sicuramente aiutato l'economia mondiale a crescere rapidamente nel corso dell'ultimo quarto di secolo e ha tirato fuori di centinaia di povertà di milioni di persone. 



Ma per molti, soprattutto nel tradizionale occidentale, i costi sono stati pesanti. E per molte persone in tutto il mondo, l'elevazione del globale al contrario di solidarietà nazionale solo non risuona. Nell'era del terrore in particolare, i confini nazionali sembrano meno come barriere frustranti di viaggiare e commerciali e più come una protezione sicura contro la minaccia insondabile. 



La domanda per la direzione di Davos di quest'anno è duplice: Saranno in grado di continuare a respingere e deridere gli elettori che vogliono mantenere o ripristinare quei confini come razzista, xenofobo o addirittura neofascista? O se invece almeno vogliono provare a riconoscere la legittimità del sentimento nazionale oltre l'ideologia globalista? 



E in secondo luogo, che cosa, se non altro, fare intendono fare al riguardo? 



La storia delle aristocrazie si è in gran parte conclusa infelicemente. Se la folla di Davos non inizia a rispondere a queste domande nel 2017, il meglio che possono essere in grado di sperare è un meno violento, meno terminale, ma in ultima analisi, non meno significativo versione moderna di quello che è successo ai Borboni o dei Romanov . 




Angelo:

..... "La domanda per la direzione di Davos di quest'anno è duplice:? Saranno in grado di continuare a respingere e deridere gli elettori che vogliono mantenere o ripristinare quei confini come razzista, xenofobo o addirittura neofascista o se invece almeno vogliono cercare di riconoscere la legittimità del sentimento nazionale oltre l'ideologia globalista? 


E in secondo luogo, che cosa, se non altro, fare intendono fare? 



la storia delle aristocrazie si è in gran parte conclusa infelicemente. Se la folla di Davos non inizia a rispondere a queste domande in 2017, il meglio che possono essere in grado di sperare è un meno violento, meno terminale, ma in ultima analisi, non meno significativo versione moderna di quello che è successo ai Borboni o dei Romanov ". 
----------------- 
Hmmm! Immagino che avevano meglio ottenere questo GCR fatto al più presto .... la gente è stanca mondo 
nel corso di queste, persone immorali amanti che hanno succhiato il mondo a secco della sua risorse naturali cioè oro, diamanti, altre pietre preziose, olio, ecc , e hanno incanalato denaro a se stessi, i membri della famiglia e gli amici. Io dico, sì, è il momento di uscire i forconi.

2 commenti:

Anonimo ha detto...

LA TRADUZIONE RENDE IL TESTO INCOMPRENSIBILE.
TUTTO POTREBBE ESSERE INTERESSANTE MA è ILLEGIBILE

Pippo77 ha detto...

Da una traduzione automatica non ci si può attendere che tutto possa risultare comprensibile.L'intuizione pero può aiutare (forse)a dare un senso compiuto alla lettura.R.P